Nello scorso articolo, abbiamo affrontato l’argomento Fluoro, una speciale molecola considerata la pietra miliare della prevenzione della carie.

Se hai perso la prima parte, puoi leggerla qui. Abbiamo distinto la fluoroprofilassi topica da quella sistemica, riportando le linee guide del Ministero della Salute che, ormai, parlano chiaro:

L’effetto preventivo post-eruttivo del fluoro, ottenuto attraverso la via di somministrazione topica, è considerato più efficace rispetto a quello pre-eruttivo, ottenuto attraverso la somministrazione sistemica 1.

A tal proposito, in questo articolo, ti illustreremo qual è il mezzo più utilizzato, efficace e di facile impiego per una somministrazione topica di fluoro e ti daremo delle indicazioni principali inerenti questo “speciale” strumento.

Di cosa stiamo parlando?

Tutti noi – o almeno tutti noi dovremmo farlo – laviamo i denti dopo i pasti principali, con l’aiuto di un dentifricio!

Siamo abituati, a prescindere da che tipo di spazzolino usiamo, a spalmare sopra questa “pasta”, a volte anche in quantità eccessiva.

Il tuo dentifricio preferito contiene fluoro?

La quantità di fluoro presente in un dentifricio è sempre indicata sulla confezione da un numero seguito dall’acronimo “ppm”. Se non trovi la sigla, vuol dire che ne è privo!

Esistono in commercio, però, anche formulazioni di paste dentifricie sprovviste di fluoro ma con composizioni chimiche specifiche che nutrono lo smalto dei denti. Chiedi sempre consiglio all’Igienista se hai particolari dubbi.

Quanto fluoro dovrebbe esserci nel dentifricio?

Dipende da una variabile fondamentale: l’età!

  • Per i bimbi molto piccoli, dalla comparsa del primo dentino fino ai 3 anni, è raccomandabile l’utilizzo di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno, in dose rice-size (quanto un chicco di riso) con l’assoluta supervisione da parte dei genitori.
  • Dai 3 ai 6 anni, è raccomandabile l’utilizzo di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno, in dose pea-size (dimensione di un pisello).
  • Per i bambini un po’ più grandi, dai sei anni in su, è raccomandabile l’utilizzo di un dentifricio, 2 volte al giorno, che abbia almeno 1000 ppm di fluoro.

Adesso hai tutte le informazioni necessarie per la scelta del tuo dentifricio, più adatto non solo al gusto e alla disponibilità economica, ma soprattutto adatto alle tue esigenze e a quelle di tuo figlio.

Dott.ssa Adriana Elefante
Igienista dentale

Condividi questo articolo con le persone a cui vuoi bene!

 

1. Ministero della Salute (2017). “Raccomandazioni cliniche in odontostomatologia”. p. 23-25.